Punto Effe 2 - 10 febbraio 2011


Condividi su:

In questo numero:

Editoriale
Ora tocca voi

Questo numero lo hanno scritto alcuni di voi, con brillanti e stimolanti contributi, e ne siamo molto contenti perché ciò che ci fa più avvilire nel seguire le vicende del mondo della farmaciaè l’indifferenza, talvolta la sgradevole sensazione di un Titanic che va verso l’iceberg mentre tutti sulla nave continuano a ballare.
Nonostante il senso di incertezza sul futuro - che peraltro coinvolge quasi tutte le categorie, non certo soltanto quella dei titolari di farmacia - e nonostante i continui tagli, i fatturati destinati a scendere, i servizi onerosi eccetera, pensiamo che non sia troppo tardi per modificare la rotta verso l’iceberg.
Lo scrivono con grande chiarezza tre cari amici, Augusto Luciani, Franco Falorni e Maurizio Guerra, in tre begli interventi in cui traspare innanzitutto la passione per questo mondo e per una farmacia troppo bistrattata ma dalle grandi potenzialità, se opportunamente sfruttate. Leggete con attenzione i loro contributi: lo sappiamo, siete sommersi ogni giorno da maree di circolari ma non potete esimervi dalla partecipazione alla discussione sul futuro della categoria.
Il dibattito è aperto, sulle strategie sindacali a medio termine e ad ampio raggio ma anche sulle questioni quotidiane molto pratiche. In redazione, per esempio, ci arrivano sempre più lettere con quesiti semplici e molto operativi sui servizi: al di là dell’ormai noto «Chi li paga?», i titolari vogliono sapere come risolvere la questione dello spazio da dedicare alle nuove attività, dei rapporti con gli altri operatori in farmacia, della responsabilità delle loro azioni, e capita anche che vogliano capire di più sulla gestione degli elastomeri.
A fronte di questi e di tanti altri dubbi, si moltiplicano le offerte di aiuto da parte delle aziende che operano in farmacia: corsi di tutti i tipi, Ecm, convention, riviste, opuscoli per ogni esigenza, gestione dello scaffale, promoter, addirittura invio di biologi e nutrizionisti in farmacia.
Vi è utile tutto questo? Di quale altro supporto avreste bisogno? Quale tipo di aiuto ulteriore vi aspettate dalle aziende? Si parla sempre di più di sinergia tra tutti gli operatori della filiera del farmaco, traduciamolo in azioni concrete e utili alla farmacia e all’industria per migliorare il rapporto con il cliente-paziente senza disperdere energie.
Quindi ora tocca a voi: raccontateci numerosi a info@puntoeffe.it cosa vi manca, di quale aiuto avreste bisogno nella vostra farmacia per migliorare il servizio, quale progetto ambizioso vorreste realizzare.
E raccontateci anche quali, tra le varie iniziative delle diverse aziende, vi hanno soddisfatto di più. Noi di Punto Effe abbiamo in cantiere diversi progetti per i prossimi mesi, ma vogliamo vi siano davvero utili perché, lo ribadiamo, la categoria ci sta molto a cuore e davvero siamo convinti che l’immobilismo porti dritti verso l’iceberg.

Laura Benfenati

Parliamone tra noi
Assistenza
domiciliare: c’è

Con il recente accordo siglato dall’assessore regionale Giulio Boscagli e dalla presidente di Federfarma Annarosa Racca, Regione Lombardia è la prima in Italia a recepire quanto disposto dalla Legge 69/2009 che disciplina i nuovi servizi in farmacia

Interventi
Dalle parole ai fatti

Piano sanitario nazionale, decreti attuativi per la farmacia dei servizi e nuova remunerazione: l’urgenza sempre più evidente, per Federfarma, di azioni innovative

Interventi
Un’idea di
Convenzione

Le nuove basi sulle quali impostare il rinnovo dell’accordo di collaborazione tra Stato-Regioni, da una parte, e farmacie private e pubbliche dall’altra

Parliamone per lettera
Sugli elastomeri

“Quale farmacia rurale preparerà una miscela nutrizionale o un elastomero e poi chiuderà la farmacia per recarsi chissà dove e magari somministrare (assistenza domiciliare) il prodotto a chi ne ha bisogno?”

Primo piano intervista
Alessandro Bergonzoni

Non basta ascoltare Dante, leggere il libro, andare alla mostra e sciacquarsi la bocca: Alessandro Bergonzoni ci racconta che la vastità deve inondare tutti, come l’acqua che penetra nel terreno, per favorire il cambiamento nelle prossime generazioni. Lui continua a fare il comico ma va anche negli ospedali e, da ex ipocondriaco, studia la malattia

Primo piano professione
Per una farmacia
etica

L’incontro natalizio, davanti al caminetto, con un amico filosofo e qualche considerazione sul futuro della professione. Il 2011? Positivo solo per chi saprà cogliere il cambiamento

Primo piano mercato
Una valida alternativa

A metà del 2009 le rappresentanze regionali di farmacisti e medici di famiglia hanno stretto un accordo per rendere più proficui i loro rapporti. E ora attendono il supporto delle istituzioni

Primo piano attualità
Internet
per tutti

La tecnologia sta cambiando le nostre vite. Il mondo della comunicazione ne ha recentemente discusso a Milano in occasione della presentazione del Rapporto 2010 dell’Osservatorio Multicanalità promosso da Nielsen

Primo piano farmacologia
Dipendenza
da nicotina

Sotto indagine sicurezza ed efficacia di vareniclina, farmaco per la disassuefazione da fumo dagli effetti psicolettici. Il gruppo di lavoro sul tabagismo della Società italiana di farmacologia si impegna nella divulgazione scientifica per ottimizzare l’intervento terapeutico

Progetto consiglio
Una brutta
piega

Il mal di schiena, sintomo in netta crescita negli ultimi quarant’anni, è tra i più frequenti rilevati nell’anamnesi di un paziente da parte del medico di famiglia. Forse perché lo si conosce meglio e non lo si dà più per scontato

Primo piano alimentazione
Siamo quello
che mangiamo

Una dieta per lo più vegetariana, ricca di cereali integrali e legumi, è quella raccomandata per la prevenzione dei tumori. Alcuni ricercatori sono passati dalla teoria alla pratica promuovendo studi per sperimentare i benefici di questa dieta e corsi di cucina aperti al pubblico

Primo piano fiscale
A lunga
conservazione

Come si applica lo sconto obbligatorio? L’emanazione del tanto chiacchierato 1,82 per cento imposto dal Decreto 78/2010 ha reso attuale la necessità di ribadire le conclusioni cui eravamo giunti nel lontano 2004

Dai palazzi
Collaboratori contrari
alla sanatoria

Nonostante le rappresentanze di categoria e il ministro della Salute si siano ripetutamente dichiarati contrari a qualsiasi ipotesi di di sanatoria delle parafarmacie, sembra che i timori non siano ancora del tutto cessati.

Spigolature
Dieci anni di storia
della professione

Si rinnova come ogni anno l’appuntamento con il calendario Le Antiche Farmacie in Italia realizzato dall’Accademia italiana di storia della farmacia.

Iniziative
In lenta ascesa

Un libro celebra i primi dieci anni dei generici in Italia. Un percorso denso di ostacoli che non ha ancora condotto ai risultati sperati, mentre in altri Paesi la realtà è ben diversa

Chiusi per ferie
Riviera dei limoni
luogo del cuore

È il tratto della costa ovest del lago di Garda, compreso tra i paesi di Limone e Salò, il paesaggio suggestivo che ha accompagnato i primi anni di lavoro in farmacia dell’autrice

Consigli per le vendite
Nessun dolore

Nella vita di tutti i giorni è comune incorrere in piccoli incidenti di origine traumatica. Sanofi-aventis propone una nuova formulazione in bustine, pronto rimedio in caso di stati infiammatori

Farmacinema
La prima
cosa bella

L’ultimo film di Paolo Virzì è una storia corale ambientata nella Livorno tanto cara al regista. Bravi tutti gli attori, da Micaela Ramazzotti a Valerio Mastrandrea, a una Stefania Sandrelli in grande forma