Punto Effe 09 - 21 maggio 2009

Editoriale
Troppo Silenzio

Sul famigerato decreto ci soffermeremo poco. Abbiamo già espresso la nostra opinione (vedi Punto Effe del 23 aprile): lo riteniamo una grave sconfitta sindacale e di tutta la categoria e non “il minore dei mali” come qualcuno ha avuto il coraggio di definirlo.
Quello che ci ha colpito di più, però, è stato il silenzio che è seguito alla notizia di questi ulteriori, penalizzanti tagli ai margini delle farmacie. Silenzio dei vertici di Federfarma e della base, tranne poche eccezioni.
Nessun commento, nessun comunicato ufficiale del sindacato: si sono espressi tutti - da Assogenerici all’Aifa - ma i farmacisti, i più penalizzati, hanno scelto l’inquietante via del silenzio. Non era il caso, magari, di acquistare pagine sui quotidiani per spiegare che i titolari di farmacia sono l’unica categoria di professionisti che dà un contributo così importante per l’Abruzzo? Il mutismo dei vertici del sindacato però è, probabilmente, lo specchio di una categoria rassegnata, silenziosa, inerme. Pochi, pochissimi i commenti sul decreto apparsi sul nostro frequentatissimo forum on line, poche le lettere ricevute, che pubblichiamo a pagina 10.
Si ha la sensazione, parlando con i farmacisti, di un fatalismo diffuso o di una certa inconsapevolezza degli effetti delle nuove misure. Il microcosmo farmacia rimane ancora troppo ripiegato su se stesso, incapace di reagire e di cogliere cambiamenti radicali che ormai sono sotto gli occhi di tutti.
La scorsa settimana ero a Londra e ho fatto un giro da Boots in Oxford Street. L’ultima volta che ci ero entrata, qualche anno fa, il mio giudizio era stato negativo: bibite, tramezzini, sviluppo foto, ma dove è la professionalità?
Oggi ho scoperto una farmacia ordinatissima, con un assortimento e un’esposizione straordinari, organizzata bene, con personale gentile e molto materiale informativo di qualità sui prodotti e sui servizi offerti. In quei giorni sul Sunday Telegraph era apparso un articolo contro i farmacisti, accusati di consigliare con troppa leggerezza il nuovo orlistat da banco. Il giornalista che aveva condotto l’inchiesta concludeva che nelle farmacie Boots, invece, i farmacisti, prima di consigliare il nuovo medicinale, si informavano, facevano domande al paziente, misuravano il Body mass index.
Comunque vada a finire con la sentenza della Corte di giustizia, questo è il futuro delle farmacie, inutile negarlo.
Le minori risorse e i maggiori servizi richiederanno sempre più aggregazione, lo dimostra anche il fermento che rileviamo nella nostra inchiesta a puntate sulle cosiddette “catene”.
E altri si stanno muovendo. Desta curiosità, e in alcuni una certa preoccupazione, la presentazione del nuovo network di farmacie di Essere Benessere che si terrà a Cosmofarma e di cui vi daremo notizia nel prossimo numero. I farmacisti possono scegliere di essere protagonisti del cambiamento oppure di subirne gli effetti o addirittura di essere pedine in mano a altri. È inaccettabile però, in questo momento, continuare a non reagire, a non interrogarsi, a non fermarsi a pensare a cosa sta accadendo oltre la propria vetrina, accettare tutto fatalisticamente, continuando a mettere la testa sotto la sabbia.

Laura Benfenati

 

Parliamone tra noi
Straordinari colleghi

Piccole farmacie provvisorie sotto gli alberi, nei bar, tra le macerie e nelle tendopoli, dispensazione in camper e container. A L’Aquila e dintorni il servizio farmaceutico è stato sempre garantito grazie alla categoria dei farmacisti, che nelle zone del terremoto non si è risparmiata

Parliamone tra noi
Farmacista
in prima linea

L’arrivo nella città buia, le difficoltà dei malati cronici, gli aiuti da tutta Italia: il collega della onlus Farmacisti in Aiuto ci racconta l’esperienza sul campo nei giorni immediatamente successivi al sisma

Parliamone per lettera
Morire per l’alprazig?

  • Morire per l’alprazig?
  • L’ora di svegliarsi
  • L’esempio francese
  • Gli effetti del decreto
  • Tempi duri

Dal mondo
In arrivo l'occhio bionico

  • In arrivo l'occhio bionico
    Un dispositivo centrale per salvaguardare la nitidezza dell’immagine e visioni periferiche per catturare i dettagli.
  • Manager o mamma, questo è il dilemma
    L’eterno dubbio si ripropone: famiglia o carriera? La scienza dice la sua: recenti ricerche suggeriscono che lo stile di vita manageriale,
  • Ricette di lunga
    I centenari hanno una personalità più stravagante e estroversa. Questo secondo uno studio americano,

Parliamone catene
Stop al farmacista
individuale

Prosegue l’inchiesta sulle catene, accomunate da un medesimo convincimento: l’epoca della gestione personale è finita, senza aggregazione si rischia il declino

Primo piano intervista
Elena Crespi

Una produzione made in Italy e impostata secondo livelli di qualità molto elevati: questo il punto di forza della Business Area Health & Beauty di Artsana. Il suo direttore, Elena Crespi, ci racconta perché l’azienda crede e investe nel canale farmacia

Primo piano comunicazione
Gestire il cambiamento
del mercato

Come trasformare i mutamenti nel settore in nuove occasioni per distinguersi rispetto alla concorrenza
 

Primo piano convegni
Anziani
chi si ferma è perduto

La popolazione invecchia e al contempo cresce il divario tra età anagrafica ed età biologica, con tutte le implicazioni del caso. La longevità? Una miniera di occasioni. Un incontro a Milano

Primo piano attualità
La nuova Utifar
laboratorio di idee

A Caserta un interessante confronto sulle risorse delle farmacie e uno stimolante dibattito con le associazioni di consumatori: l’Unione tecnica farmacisti italiani non vuole più porsi come coscienza critica della categoria ma come centro di entusiasmo applicato

Primo piano iniziative
Una rete ancor più fitta

Presentati a Roma l’insegna e il marchio nazionale di Federfarma.Co. Si chiama Professione Farmacia-ProFar, il nuovo strumento per rinsaldare il legame tra le cooperative associate

Primo piano home care
L'alimentazione
agevolata

Anche l’atto di cibarsi può costituire un problema per categorie di persone particolarmente disagiate, non soltanto anziane. Una rassegna degli ausili più diffusi

Primo piano farmacologia
Pericolo
smart drugs

Sono droghe “furbe”, che si nascondono nelle formulazioni di farmaci o prodotti fitoterapici, sfruttate per i loro effetti energizzanti, stimolanti e adattogeni. Sono venticinque quelle ritenute dall’Istituto superiore di sanità a rischio di dipendenza per i loro effetti psicotropi

Primo piano informatica
L’importanza dei dati

Quale tipo di contributo possiamo chiedere agli strumenti informatici per riuscire a quantificare i costi dei servizi? Servono numeri, parametri e protocolli che si devono raccogliere, legare e diffondere

Primo piano legale
Le logiche
del monello

È indispensabile mantenere una distinzione tra l’ente titolato alle funzioni di regolazione e controllo e il soggetto cui sono conferite le funzioni di gestore di un servizio pubblico

Primo piano fiscale
Da Caserta
non solo bufale

Gli effetti dell’erogazione dei servizi sul bilancio dell’azienda farmacia. Se ne è parlato, il 18 e 19 aprile scorsi, nell’ambito del convegno organizzato da Utifar

Vetrine
Che fine
fanno i tappi?

La farmacia può impegnarsi anche nell’attività di sensibilizzazione verso la raccolta differenziata. È quello che è stato fatto in questa comunale in provincia di Venezia

Dai palazzi
Riforma sanitaria
al via negli Usa

Finalmente al via la riforma che Barack Obama considera tra le priorità della sua agenda...
 

Spigolature
Sottoscrizioni
contro la “diretta”

Il Movimento consumatori, tra le più attive associazioni a difesa dei diritti del cittadino, prosegue la sua battaglia contro la distribuzione diretta che reputa, al di là delle valutazioni puramente economiche, un disservizio nei confronti di chi è abituato ad approvvigionarsi di farmaci nelle farmacie...

Chiusi per ferie
Il paese
che vorrei

Il Trentino non sorprende, conforta. È l’Italia ideale perché alle bellezze unisce organizzazione, criterio, passione per il territorio. Valori che, da altre parti, sembrano vilipesi, e che qui si riscoprono, apprezzati per la loro semplicità

Dalle aziende
Quando la sensibilità
arriva al cuore

Un progetto per portare all’attenzione dell’opinione pubblica i bisogni dei bambini ricoverati negli ospedali italiani. Abio e BioNike si associano per diffondere e difendere i loro diritti

Lavori in corso

  • TH.KOHL
    È stata presentata a Cosmofarma la nuova linea di arredamento nata dalla collaborazione tra Th.Kohl e il designer Alberto Meda...
  • STUDIO ALFONSO MALIGNO
    All’interno di un punto vendita è importante comprendere i segni di comunicazione emessi dallo spazio circostante, così come il modo in cui questi segnali interagiscono con il consumatore...

Come eravamo
Le ispezioni
protomedicali

L’esazione delle tasse e i periodici controlli su tutte le attività sanitarie, nel Regno di Napoli della prima metà dell’Ottocento. E le farmacie? Sottoposte a molte restrizioni, non dovevano sgarrare

Consigli per gli acquisti
Nutrimento quotidiano
per le labbra

Da oggi in farmacia è disponibile un alleato in più, utile tutto l’anno, per proteggere questa zona molto delicata dalle aggressioni esterne
 

Farmacinema
Umberto D.

Un anziano signore, nell’immediato dopoguerra, tira a campare con la sola compagnia del cane Flik. Non perde la dignità ma sfiora il suicidio. Uno dei capolavori della premiata ditta De Sica-Zavattini